Ciò che dovresti leggere

venerdì 1 luglio 2016

Vi presento un cartaceo: Il mondo di Nebbia (Il giardino degli aranci), Ilaria Pasqua


  Ciao amici! Questa sera inauguro una nuova rubrica. Ciò che farò in questo post e nei prossimi della serie Vi presento sarà, appunto, presentarvi un'opera con una segnalazione, ma in modo un po' particolare: non solo postando copertina e trama, ma anche parlandovi del libro cartaceo che ho acquistato o che mi è stato inviato. Spero che l'idea vi piaccia!
  La prima opera di cui voglio parlarvi è Il mondo di nebbia di Ilaria Pasqua, il primo libro della trilogia fantasy/distopica Il giardino degli aranci edita da Nativi Digitali Edizioni.
  Perché l'ho acquistato? Un po' mi sono lasciata rapire dalla copertina, che è davvero bella, ma principalmente mi ha incuriosita la trama, che vi lascio qui di seguito.
"Il Mondo di Nebbia, dove Aria e il fidato amico Henry vivono e frequentano un liceo come tanti altri ragazzi, nasconde dei segreti inquietanti, come incubi che prendono forma e sono in qualche modo collegati ai Cinque Sacerdoti, misteriosi individui che controllano la città.
Aria non è però una ragazza come tutte le altre: in quel mondo ha la sensazione di "girare a vuoto", e dentro di sé sospetta che dietro ai suoi incubi ci siano verità dimenticate... sarà l'incontro con Will, che come lei sembra frustrato e insoddisfatto da quella realtà, a rivelarle che tutto quello in cui credeva prima è nient'altro che un'illusione. Qual è la verità dietro quel mondo? Chi sono i Cinque? E in che modo Aria ha il potere di cambiare tutto?"
  L'ho preso su Amazon al prezzo di 10 euro più spese di spedizione, per un totale di 12,70 euro. Mi è arrivato a casa tramite corriere GLS (che tra l'altro mi ha anche chiamata al telefono per avvisarmi di scendere a prenderlo O.o) in esattamente una settimana.
  Tutta entusiasta prendo il pacco, salgo a casa, lo apro e... sorpresa! E' più bello di quanto credessi.
  Innanzitutto il formato. E' un libro abbastanza grande, ma ben proporzionato: non troppo largo, nonostante sia bello altino, e compatto al punto giusto. 
  La copertina è morbida, sembra quasi vellutata al tatto, e l'immagine è davvero bella, ma questo lo sapevo già. Forse sul retro avrei ridotto un po' il carattere della quarta di copertina, che si presenta esageratamente grande, e avrei aggiunto la trama e la biografia dell'autrice.
  Internamente è scritto con carattere piccolo, quindi oltre a essere ben compatto (sono intorno alle 200 pagine) c'è tanto da leggere anche dentro, senza caratteri grandi che sprecano pagine e pagine di testo. L'incipit è interessante: il libro parte subito in quarta, senza perdersi in chiacchiere: mette davvero curiosità.
  Adoro anche il frontespizio e l'insieme dei colori. Visivamente è davvero un lavoro ben riuscito.
  Quel cosino giallo che vedete nelle foto è il segnalibro, dato che ho già iniziato a leggerlo. La mia recensione di quest'opera parteciperà all'omonimo contest delle Olimpiadi Letterarie, ma la troverete presto anche qui sul blog. 
Intanto, per il rapporto qualità/prezzo, il libro è assolutamente promosso a pieni voti.





Anche per oggi è tutto. Alla prossima 

Nessun commento:

Posta un commento