Ciò che dovresti leggere

Ciao, lettori!

Il mio nome è Giovanna, ho vent'anni e studio Biotecnologie per la Salute alla Federico II di Napoli. Benvenuti nel mio salotto, mettetevi comodi!
Sfogliate le pagine di questo blog, lasciatevi rapire e sostenete il talento emergente: c'è un intero mondo che vi aspetta.

Su di me



***

Qualche risposta alla domanda: chi sei, Giovanna?

Futura biotecnologa, manipolatrice di geni e coltivatrice di cellule; 
mente oscura e contorta; 
inghiottitrice seriale di nutrienti; 
pianificatrice di progetti irrisolti; 
procrastinatrice esperta; 
ironica cronica; 
autrice di due romanzi belli (Giochi di Ombre e Al di là della cornice [lo giuro]). 
"Zucchero filato all'arsenico".


Una presentazione più seria.

  Salve, il mio nome è Giovanna.
 Vengo da Napoli, ho 21 anni, ho conseguito la maturità classica e frequento la facoltà di Biotecnologie per la Salute all'università Federico II di Napoli; un giorno spero di poter diventare ricercatrice e dare il mio contributo contro le più terribili malattie che affliggono l'uomo, in particolare l'Alzheimer.
  La mia avventura letteraria inizia presto. Quando ero molto piccola avevo dei quaderni in cui scrivevo le mie storie e disegnavo i miei personaggi, (quasi) tutti inventati o provenienti da videogiochi. Avevo creato un vero e proprio mondo di avventure in cui li facevo muovere e vivere.
Me a Praga nel 2014, in un momento
di Epifania del Divino (ft. Trdlink
  Quando avevo 10 anni ho scritto il mio primo, "vero" libro, e da allora ne ho scritti tanti, alcuni mai conclusi, tutti di genere fantasy. Il mio primo libro non-fantasy è un thriller romantico, "Giochi di Ombre", ed è stato pubblicato dalla casa editrice Lettere Animate. Qualche tempo dopo ho dato vita a qualcosa molto più terrificante: "Al di là della cornice", e stavolta a credere in me è stata Panesi Edizioni.

  Inizialmente non avevo mai pensato di tentare la strada della pubblicazione. Poi, un giorno come un altro, anche grazie all'incoraggiamento del mio Fabri, ho pensato che forse valeva la pena provare, e il mio sogno si è avverato senza che, forse, io ci credessi davvero.

.
  Sono entrata nel fantastico mondo degli scrittori esordienti per caso e ho subito deciso di aprire un blog per aiutarli, nel mio piccolo, ad avere un po' di visibilità. Il perché è semplice: se tutti facessero così, pensandola come me, molti scrittori validi quanto i "big" ma meno noti avrebbero la possibilità di emergere e farsi conoscere.

  Da qui l'idea di Dandelion, uno pseudonimo che uso spesso anche in altri social. Dandelion è il tarassaco, meglio conosciuto come dente di leone: è quel fiore su cui si soffia, esprimendo un desiderio e sperando che questo si avveri. E' il fiore dei sogni che aspettano, prima di diventare realtà.

C'è tanto altro di me che non sapete e che nemmeno immaginate...

Ad esempio, questo:



Il resto? Scopritelo!

2 commenti:

  1. Ciao Giovanna, spero che il tuo libro stia procedendo bene.
    Ad ogni modo ho nominato il tuo blog qui: Ciao, ti ho nominata qui: http://diariodiunacamionistaperbene.blogspot.it/2016/05/liebster-award.html :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giulia! Grazie per avermi nominata, ne sono felice :3

      Elimina